Imballaggi ecosostenibili. Cosa sono?

Imballaggio e sostenibilità. Cosa vuol dire.

Il packaging nel tempo si è diversificato molto, in questo settore però è divenuto sempre più importante il concetto di sostenibilità ed ecologia, proprio al fine di sviluppare prodotti che siano funzionali, di qualità ma anche rispettosi dell’ambiente. Molto spesso questo vuol dire aprirsi alle nuove tendenze, esistono imballaggi ecologici che non rinunciano a forza e resistenza. Le aziende leader del settore commercializzano questo tipo di prodotti e offrono una filosofia aziendale che sposa questi concetti al fine di avere il minimo impatto sull’ambiente.
Le possibilità oggi sono molteplici, si possono creare imballaggi con materie prime rinnovabili come il cartone o ancora con materiali riciclabili al 100%, o ancora biodegradabili senza pregiudicare poi la qualità del prodotto finale. Il contributo alla sostenibilità nel packaging è fondamentale visto l’utilizzo smodato che viene fatto ogni giorno con imballaggi di ogni tipo. La sostenibilità ancora oggi è un problema molto discusso, in particolare per tutti quegli attori della filiera che fanno parte dell’industria dell’imballaggio. Nonostante gli ampi progressi fatti negli anni e in particolare dal 2000 ad oggi, comunque i livelli di riciclaggio ed eco-sostenibilità devono essere implementati in modo significativo. Guardare al futuro vuol dire affidarsi oggi a specialisti del settore, sviluppare e utilizzare nuove tecnologie, macchinari idonei alla produzione intelligente di questi materiali, indipendentemente dal loro fine ultimo. Le aziende oggi sentono la necessità di rispondere all’esigenza di creare prodotti sostenibili, guardano quindi ad un mercato in via di sviluppo, a packaging leggeri e anche a impatto zero sull’ambiente.

Le aziende che vogliono valutare questa branca del mercato devono esaminare innanzitutto i loro prodotti, guardare a quello che compone i loro prodotti, massimizzando l’utilizzo di materiali riciclati o ecocompatibili. Condurre sempre dei controlli sul flusso produttivo è indispensabile, la legislazione ambientale è dettagliata e severa in tal senso, sia a livello nazionale che nell’Unione Europea, proprio al fine di abbattere la formazione di spazzatura da parte dei consumatori ma anche delle aziende che gravitano nel settore della produzione. Un altro modo è anche rendere partecipe l’utente finale con consapevolezza, molte campagne vengono oggi portate all’attenzione generale per incentivare le persone a riciclare. Le aziende dovrebbero dunque approfittare proprio di questo sistema per aggiornare i clienti sui propri prodotti, sull’imballaggio, sul riciclo ma anche sull’affidabilità e il lavoro che tutto questo comporta.

Un esempio di rivoluzione è dato da molti esempi green che fanno del comparto uno dei più innovativi in fatto di materiali e forme. Se non si può fare a meno del packaging è giusto strizzare l’occhio alla rivoluzione della produzione, proteggendo l’ambiente e garantendo sempre prodotti di qualità.

I progressi tecnologici nel settore packaging continuano e c’è molto fermento per le aziende che stanno transitando a materiali nuovi, riciclabili e diretti al livelli di massima sostenibilità. Si tratta di una svolta ambientale, questa linea consentirà di fare grandi passi nel mondo del packaging anche grazie alle innovazioni che vengono proposte ogni giorno e che aiuteranno il comparto aziendale al raggiungimento dei rifiuti zero.

In: Notizie packaging
1